Aikido Vittorio Veneto sempre in primo piano

Riconoscimenti dall’ Aikikai di Tokyo, per le cintura nere “terzo dan” di Sandro Lucagnano e “secondo dan” di Luca Gri

sandroaikikaiGrande festa all’Aikido Vittorio Veneto accanto alle Piscine Comunali, per gli avanzamenti del grado di cintura di Sandro Lucagnano promosso a “terzo dan” e Luca Gri “secondo dan”. Il riconoscimento è arrivato dopo gli esami sostenuti col Maestro Wolfgang Baumgartner, insegnante di livello internazionale e “sesto dan” del prestigioso “Aikikai” di Tokyo, ovvero la “casa madre “ dell’Aikido mondiale. Gli esami si sono svolti a margine di un affollato Stage tenuto dal citato insegnante, ma dedicato alla recente scomparsa dell’indimenticabile Maestro Fausto De Compadri. La cosa che ha suscitato fra i partecipanti un piacevole stupore, dando all’esame sostenuto da Sandro un valore unico, è il fatto che la cintura nera Vittoriese si sia presentata per il riconoscimento del solo grado di “secondo dan”, mentre il Maestro Baumgartner dopo averlo esaminato ha deciso che data la preparazione dimostrata si meritava almeno il grado superiore di cintura nera “terzo dan”. L’inconsueto riconoscimento, offerto da un autorevole “sesto dan” dell’Aikikai di Tokyo, noto per le difficoltà nel concedere i gradi superiori, ha quindi dato un valore prestigioso al grado ottenuto dall’insegnante dell’Aikido Vittorio Veneto, che è così stato festeggiato assieme a Luca, dal Maestro Gianpietro Vascellari e dai tanti Aikidoka Vittoriesi.lucaaikikai

Nella sezione Foto potete trovare le foto relative agli esami.

Special Keiko a Vittorio Veneto

specialkeiko15aprile2011

Venerdì 15 aprile 2011 si è svolto uno Special Keiko al quale hanno partecipato i nostri amici aikidoka dell’ASD Ponte di Piave, ASD San Donà di Piave e dell’ASD San Venedemiano. Gli insegnanti Lorenzo Toffoletto, Luca Gri, Sandro Lucagnano e Giancarlo Giuriati si sono succeduti durante una lezione tematica su una difesa specifica da diverse tipologie di attacchi. A fine allenamento il Maestro Vascellari ha ringraziato della partecipazione, congratulandosi con i Dojo-cho (capi palestre) delle rispettive palestre che hanno sostenuto con successo, durante l’ultima visita del M° Baumgartner, l’esame per l’ottenimento dei gradi Aikikai (seguirà articolo a parte).
Dopo allenamento il gruppo di aikidoka ha cenato in pizzeria. Personalmente ringrazio tutti quanti della partecipazione, è stato davvero un allenamento molto bello e con un bel clima. A presto!

Nella sezione Foto potete trovare le foto relative all’allenamento.

Il consolidamento di un’amicizia

In concomitanza con lo stage di Ponte di Piave con il M° Baumgartner l’ASD Aikido Vittorio Veneto e la Takemusu Aikido Roma Eur hanno ufficializzato un’amicizia che dura ormai da diversi anni con un attestato che verrà esposto nelle rispettive palestre.
tak_vv

“Per consolidare una amicizia, un ponte, che collega due realtà distanti nello spazio, ma vicine nello spirito e nella volontà di promuovere e diffondere l’Aikido, come patrimonio della cultura mondiale.” Ringrazio Carlo Cocorullo e tutta la Takemusu Aikido Roma Eur per la loro bontà di cuore e per la loro passione condivisa. Nel dojo di Vittorio Veneto ci sarà sempre posto per voi.

Di ritorno dallo stage del M°Wolfgang Baumgartner

Il 2 e 3 Aprile si è svolto nella palestra degli amici di Ponte di Piave uno stage di Aikido diretto dal M° Wolfgang Baumgartner, 6° dan Aikikai.

kamizaMolto numerosa la partecipazione a questo stage, aperto con la dovuta commemorazione del M° Fausto De Compadri che recentemente ci ha lasciato. L’allievo Sandro Lucagnano ha aperto il seminar leggendo le sue ultime parole dedicate al mondo dell’aikido italiano: è seguito un lungo minuto di silenzio e uno scrosciante applauso per un Maestro che ha dato moltissimo.
Lo stage parte a ritmi frenetici, c’è un bel clima e il M° Baumgartner subito dimostra “di che pasta è fatto” esponendo con una didattica molto precisa e semplice, tecniche a vari livelli, partendo dalla forma base fino ad arrivare alle tecniche più elevate in ki no nagare. Mostra molto spesso la correlazione tra le armi dell’aikido e le tecniche a mano nuda mettendo in evidenza le metodologie di allenamento di Morihiro Saito, allievo diretto del Fondatore.
Lo stage passa molto velocemente; vengono studiati anche i ken tai jo awase, una serie di particolari esercizi in cui una persona che è armata di jo si difende da una persona munita di spada. Nella parte finale dello stage abbiamo visto i riai, particolari applicazioni con la spada molto correlate alle tecniche a mano nuda e successivamente abbiamo visto l’evoluzione dell’irimi nage.
Questo stage dunque è stato ricco di spunti per migliorare, ogni persona ad ogni livello di pratica sicuramente ha portato a casa qualche prezioso consiglio. Personalmente sono molto contento di aver conosciuto una persona come il M° Wolfgang Baumgartner, si è dimostrato sempre molto disponibile, spero di avere l’occasione di reincontrarlo presto.

asdAikidoVV

Fausto De Compadri

De_Compadri-2

Oggi, 15 febbraio 2011, è una giornata molto triste per me, come penso per tutto l’Aikido italiano. Un grande Maestro è ritornato alla Sorgente, unendosi al Creatore.
Ricordo benissimo la prima volta in cui ci siamo incontrati. Era in occasione degli esami di cintura marrone ai quali partecipavo. Il Maestro Vascellari aveva invitato un grande Maestro ad esaminarci: il Maestro Fausto De Compadri. La tensione era molta e l’averlo visto in azione ha creato in me una sorta di curiosità estrema, come se quello che stessi praticando fino a prima fosse solo una minima parte di ciò che realmente era l’aikido.
Da quella volta, per tutte le volte successive mi impegnai moltissimo, numerose furono le trasferte nel mantovano per allenarmi nei week-end. Tramite il suo carisma, le sue qualità umane e tecniche mi ha potato ad ottenere la cintura nera, e successivamente gli altri gradi. Ma la cosa che più mi interessava non erano i gradi in se, ma l’enorme cultura marziale che mi stava trasmettendo senza mai nessuna remora e senza mai regalare nulla! Quanti DAME’ (ndr=male!) quante spiegazioni anche nel cuore della notte, sotto la doccia post-allenamento, al ristorante simulando attacchi armati di coltello con un grissino! Ha faticato con noi, praticando e studiando costantemente quest’Arte Marziale, migliorandosi ogni giorno di più, praticando costantemente, non sentendosi mai arrivato e facendosi sempre attaccare al massimo della velocità e della forza per quanto riguarda le prese. La naturalezza delle sue tecniche mi lasciava ogni volta di stucco, ma allo stesso tempo sarà sempre lo stimolo per il quale mi allenerò.
In tutti noi, caro Maestro, hai piantato il seme della passione e di questo te ne saremo sempre eternamente grati.
Faremo del nostro meglio per portare avanti ciò che ci hai trasmesso, i tuoi insegnamenti, i tuoi ideali e le tue aspettative per l’Aikido italiano.
Ti ringraziamo dal profondo del cuore. Mi raccomando, seguici da lassù.
Domo Arigato Gozaimashita, Sensei!

Sandro